Mirafiori dopo il Mito

Quale futuro per Mirafiori?

Memoria dell’Industria e del Lavoro nel Nord Ovest. Il caso Mirafiori

Vivere a Mirafiori.

Un dialogo sull’Abitare.

La vita a Mirafiori

I am text block. Click edit button to change this text.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

↩  LIVING LAB

PERCORSO 1

Il territorio e l’abitare

MIRAFIOR [mira’fior]

MIRAFLORES ovvero “guarda i fiori”

È il nome dato alla residenza seicentesca donata dal Duca Carlo Emanuele I alla moglie di origine spagnola (l’edificio fu demolito nel XIX secolo). Il nome deriva dai giardini e dalle fioriture in cui era immersa ed è conservato nell’attuale denominazione di Mirafiori.

Territorio

FONTE: Catasto urbano (GIS), Comune di Torino, 2008

Là dove finisce la città

La dove la città finisce c’è un muro che circonda 3 milioni di metri quadri di terreno. Era il confine della città la chiamavano Mirafiori, guarda i fiori, una pianura dove a partire dal 1936 il cemento iniziò a prevalere sul verde. Intorno a quelle mura sorse la più grande Fabbrica d’Europa attraversata quotidianamente da 60 mila persone. Per loro la città fu costretta a spostarsi oltre la frontiera della Fabbrica. I palazzi (17000 alloggi) vennero tirati su a partire dal 1963 dando casa ad oltre 40 mila persone. Sono stati anni intesi di una popolazione giovane e piena di vita, ma anche di lotte e sconfitte. Con la Fabbrica che segnava non solo la città, ma era l’epicentro di tutte le battaglie politiche del Paese. La caratteristica delle vie che confinano con il muro della Fabbrica è l’aver dato un’abitazione a gruppi di persone che sono arrivate insieme e che collettivamente hanno costruito il loro luogo di vita: il loro quartiere non quello degli architetti.

Fonte: http://www.vita.it/it/article/2020/03/21/mirafiori-al-tempo-del-coronavirus/154590

Vincenzina davanti alla Fabbrica

PERCORSO 2

LE PERSONE E IL LAVORO
(E L’IMPRENDITORIALITÀ)